“UNA SILICON VALLEY DELLA RICERCA A PADOVA EST”

La realizzazione del nuovo Policlinico Universitario nell’area di proprietà comunale e immediatamente disponibile di San Lazzaro, rappresenta un’opportunità per l’intero Sistema veneto della Sanità e per la nostra città, a tutti i livelli. Una città che ha assistito, insieme, negli ultimi anni, al depauperamento di parte della sua zona industriale sia a causa della crica economica, sia per l’intervenuto mutamento globale nelle logiche della domanda e offerta di lavoro.

I capannoni dove si producevano beni di consumo o macchinari si sono progressivamente svuotati, sono stati svenduti o affittati, per divenire, in alcuni casi, e proprio per la mancanza di interesse da parte della classe imprenditoriale padovana, o, in generale italiana ed europea, dei centri di vendita all’ingrosso di merce importata, con situazioni, come abbondantemente testimoniato dai ripetuti controlli della Guardia di Finanza e della Polizia Locale, al limite della legalità.

Costruire l’Ospedale d’eccellenza della città e di tutta la Regione in un’area proiettata verso Venezia, a pochi metri dall’autostrada e dalla nuova Stazione Ferroviaria, avrà effetti benefici anche sulla Zona industriale, che va ripensata, ridisegnata e ricostruita sulla base delle esigenze del tempo presente, delle specificità del territorio e del capitale umano che, unica in Veneto, la nostra città sa ancora creare.

All’ombra del Policlinico potrebbe sorgere una vera e propria Silicon Valley della ricerca sanitaria e farmaceutica. In concorso con le istituzioni e gli attori in campo, fra i primi Università di Padova e Regione Veneto, collaboreremo per la rinascita del polmone produttivo della città, secondo logiche di ammodernamento e recupero degli spazi esistenti, oltre che di promozione delle intelligenze che, grazie al nuovo Policlinico, continueremo ad attrarre.

Dal destino di questa grande opera tanto attesa, dipende il destino di Padova.

Massimo Bitonci

sindaco di Padova

 

AREA PADOVA EST
area San lazzaro

condividi
Facebook Twitter