Giotto e i cicli pittorici del Trecento a Padova: nuova guida e mostra a Expo 2015

Una nuova guida dedicata a Giotto e i cicli pittorici del Trecento a Padova che descrive i nove siti in cui sono conservate le più significative testimonianze e pone particolare attenzione ai forti elementi di novità che rendono la Padova del XIV secolo una tappa fondamentale del percorso che, dal tardo Medioevo, conduce alle origini del Rinascimento. La pubblicazione affianca la candidatura dei cicli pittorici alla World Heritage List UNESCO.

Nel XIV secolo la città attraversa un periodo di fervida vitalità culturale. L’’iniziativa di Enrico Scrovegni, che commissiona a Giotto la decorazione della Cappella della famiglia, apre la strada a un nuovo modo di intendere la produzione artistica. In particolare, dopo l’’affermazione della signoria dei Carraresi, essa diviene uno strumento di celebrazione del potere e del prestigio dei nobili committenti.

Frutto di questo clima sono gli splendidi cicli pittorici che la città conserva, realizzati nel corso del Trecento da artisti di grande rilievo: Pietro e Giuliano da Rimini, Guariento, Giusto de’ Menabuoi, Jacopo Avanzi, Altichiero da Zevio e Jacopo da Verona. Profondamente segnati dalle innovazioni introdotte da Giotto, essi portano avanti, sviluppandole secondo la propria personalità, le ricerche spaziali e formali del maestro. Questa guida illustra tale sviluppo artistico, esaminandone il divenire e i protagonisti, ponendo particolare attenzione ai forti elementi di novità, che rendono la Padova trecentesca una tappa fondamentale del percorso che, dal tardo Medioevo, conduce alle origini del Rinascimento.

La guida edita da Skira è in vendita presso il bookshop dei Musei Civici agli Eremitani.

Padova sarà inoltre presente a EXPO 2015 all’’interno dell’’esposizione dedicata a Giotto, che si terrà a Palazzo Reale, Milano dal 2 settembre 2015 al 10 gennaio 2016. La partecipazione è legata al prestito alla mostra della tavola Eterno Padre, conservata presso i Musei Civici agli Eremitani.

(a cura di Davide Banzato, Manuela Masenello, Giovanna Valenzano)

condividi
Facebook Twitter