POLIZIA LOCALE SALVA MINORENNE: LA FAMIGLIA LA USAVA PER ACCATTONAGGIO

Nei giorni scorsi, gli Agenti della squadra SIS della Polizia Locale hanno notato una giovane nomade che si aggirava nelle piazze del centro tendendo la mano verso i passanti per chiedere l’’elemosina. Alla vista degli agenti la ragazzina è scappata velocemente, ma è stata subito raggiunta, grazie anche agli agenti motociclisti presenti sul luogo. La giovane ha così consegnato il suo passaporto dal quale è risultata essere nata in Romania nel 2002. M.M.R. è stata condotta in Municipio da dove ha chiamato la sorella maggiorenne che al momento si trovava in zona Arcella. Al suo arrivo gli agenti hanno potuto constatare che si trattava di M.I., nata in Romania nel 1995, già conosciuta e più volte sanzionata in quanto dedita alla mendicità. Entrambe sono state quindi accompagnate negli Uffici del Reparto di Polizia Giudiziaria di via Liberi dove hanno dichiarato che i genitori si trovano in patria, che la minore era stata affidata alla sorella e che vivevano, assieme ad altri connazionali ed il marito di M.I., in alcune tende posizionate lungo gli argini di un fiume presumibilmente a Vigonza.

La maggiorenne, dopo essere stata sottoposta ai rilievi fotodattiloscopici, è stata deferita all’Autorità Giudiziaria per i reati di abbandono di persone minori o incapaci e di impiego di minori nell’accattonaggio.

La minorenne invece, dopo aver sentito il Pubblico Ministero del Tribunale dei Minorenni di Venezia, è stata affidata ad una comunità di accoglienza.

“Ecco come i nomadi trattano i minori – – è il commento dell’’Assessore alla Sicurezza Maurizio Saia – Questa è gente che li sfrutta quotidianamente senza scrupoli sotto ai nostri occhi e sotto agli occhi anche di chi, come qualche prelato buonista, li difende e li accoglie nelle sedi delle associazioni trasformandole in abitazioni abusive. Spero che lo stato e la giustizia facciano la loro parte –- conclude l’’Assessore – e che questa ragazzina possa ritrovare la propria dignità ed avere un futuro diverso e migliore”.

(s.s.)

 

condividi
Facebook Twitter