AMBIENTE E SALUTE: LOTTA ALLE ZANZARE

Con l’arrivo della bella stagione prende il via la campagna programmata dal Comune per prevenire e contenere l’infestazione della zanzara tigre. Si tratta di un insieme di interventi organizzati sia su aree pubbliche che private per tutelare l’ambiente, l’igiene e la salute dei cittadini. Tuttavia, per lottare contro il fastidioso insetto che vive e si riproduce in piccole raccolte d’acqua, tutta la comunità è chiamata al controllo dell’infestazione adottando misure idonee per contenerne la diffusione in aree private secondo quanto disposto dall’Ordinanza Comunale già firmata dal sindaco.

L’invito è sostanzialmente quello di eseguire semplici e periodiche operazioni. Ecco alcuni consigli: non abbandonare nei cortili, nei terrazzi o all’interno delle abitazioni oggetti e contenitori dove possa raccogliersi l’acqua piovana; svuotare magari settimanalmente contenitori d’uso comune come: sottovasi, piccoli abbeveratoi per animali domestici, annaffiatoi e oggetti simili; coprire con reti di plastica o con zanzariere eventuali contenitori d’acqua inamovibili quali ad esempio vasche di cemento, bidoni e fusti per l’irrigazione degli orti; introdurre nelle piccole fontane ornamentali di giardino pesci larvivori; provvedere a pulire e a trattare periodicamente con prodotti antilarvali le caditoie per la raccolta dell’acqua piovana e provvedere alla  manutenzione ordinaria degli spazi verdi.

In particolare, per i ristagni d’acqua non eliminabili come tombini, caditoie, grondaie, il Comune ha adottato un piano di interventi, sia in aree pubbliche che private, che mira a combattere la zanzara tigre con trattamenti adulticidi, larvicidi e di rimozione dei focolai larvari, proprio per impedire il più possibile la riproduzione dell’insetto dedicando particolare attenzione alle zone circostanti a siti sensibili quali scuole, ospedali, strutture per anziani.

“Recentemente, in Italia, la zanzara tigre ha manifestato la capacità di essere vettore di patologie – ha commentato l’assessore all’ambiente – Una situazione di molestia e fastidio può pertanto evolvere in un problema di sanità pubblica. Come Amministrazione vogliamo mettere a punto delle linee guida per un corretto approccio alla gestione della problematica, sia in termini di prevenzione che di lotta all’insetto, promuovendo azioni per il controllo dell’infestazione incentivando la partecipazione dei cittadini per la gestione dei focolai in aree private”.

Per maggiori e dettagliate informazioni: www.padovanet.it

(g.g.)

condividi
Facebook Twitter