ARRIVANO LE “CASE DELL’ACQUA”

Due distributori d’acqua, gassata e naturale, uno in via Bajardi, zona Mortise e l’altro a Piazzale Cuoco, alla Guizza. Questa l’iniziativa dell’Amministrazione Comunale che punta alla riqualificazione urbana e alla valorizzazione dell’acqua fornita dall’acquedotto di Padova che presenta, alla sorgente, caratteristiche tali da classificarla come oligominerale e paragonabile alle acque minerali vendute in bottiglia.

“Vogliamo essere sempre più vicini, attenti ai bisogni dei cittadini e proseguire con l’attenzione dedicata sinora alle periferie della città, promuovendo un servizio che favorisce socialità in sicurezza – ha commentato l’assessore all’ambiente – Questo progetto è un intervento di riqualificazione urbana con un alto impatto ambientale attraverso il quale favoriamo anche la riduzione della produzione e della nocività dei rifiuti.

Attingendo a queste case dell’acqua si possono risparmiare fino a 500 mila bottiglie di plastica da un litro e mezzo all’anno, pari a 16 mila chili di plastica in meno da immettere nell’ambiente che a sua volta si traduce in un risparmio di 40 mila chili di anidride carbonica all’anno per la produzione di questo materiale. Chi si serve di questi erogatori, infatti, utilizza bottiglie di vetro o comunque di plastica, senza andare a incrementare la produzione di altra plastica per contenitori.

Vengono risparmiati anche 32 mila litri di petrolio, materia prima per la produzione dei contenitori, e 10 mila litri di carburante per il trasporto delle bottiglie fino al punto vendita e dei vuoti verso gli impianti di smaltimento – ha aggiunto l’assessore – Il risparmio è garantito anche ai cittadini che potranno acquistare, a pochi centesimi al litro, acqua minerale di ottima qualità, esattamente identica a quella in bottiglia, considerata microbiologicamente pura. Parliamo di un risparmio annuo per le famiglie, rispetto all’acquisto di acqua minerale in bottiglia”.

Le case dell’acqua, posizionate in aree pubbliche con possibilità di parcheggio per agevolare il servizio, sono prive di barriere architettoniche, dotate di illuminazione e videosorveglianza.

I distributori verranno installati prima dell’estate e funzioneranno con monete o tessera magnetica, con un costo che non supererà i 5 centesimi al litro e precisamente: 3 centesimi per l’acqua naturale e 5 per quella gassata.

L’installazione e la gestione degli erogatori sarà eseguita da personale AcegasApsAmga con il supporto di Adriatica Acque srl attraverso un contratto di global service. I distributori per l’erogazione dell’acqua sono dotati di un sistema di filtrazione a carbone attivo dove è prevista anche post disinfezione a raggi UV. Il gestore provvederà anche al trattamento degli erogatori con processi di disinfezione, così come prescritto dalla normativa vigente.

(g.g.)

condividi
Facebook Twitter