Sgombero Prandina: il sindaco, ha vinto il coraggio dell’Amministrazione. Ora un parcheggio con oltre mille posti auto

“Il centro di prima accoglienza per i rifugiati installato all’ex caserma Prandina di via Savonarola non è più attivo. Ringrazio residenti e commercianti che durante quest’anno di battaglie ci hanno sostenuti e il Prefetto per l’accordo raggiunto – – dichiara il sindaco Massimo Bitonci – Ora realizzeremo un grande parcheggio alle porte del centro storico dove prima c’era una tendopoli, facilmente accessibile, vicino a corso Milano, che avrà oltre mille posti auto e i lavori per concretizzare l’’opera che i padovani aspettano da 30 anni inizieranno quanto prima.

Lo sgombero della Prandina – – prosegue il sindaco – conferma che gli accordi con il prefetto sono andati a buon fine e questo fa anche capire che quando si tiene duro su certi argomenti, come la collocazione di un campo profughi in centro, e quando si difendono i cittadini, si arriva anche ai risultati.

La trattativa con il Demanio dello Stato, proprietario dell’’immobile – – chiude Bitonci – è già in corso. Abbiamo presentato sia la richiesta di utilizzo che di acquisizione dell’’ex caserma”.

(g.g.)

condividi
Facebook Twitter