Accordo Comune – Diocesi. Firmato il protocollo Scuola e Doposcuola zona Arcella

Il Protocollo Scuola Doposcuola, primo in città, nasce dalla costituzione spontanea di un Coordinamento dei doposcuola di quel territorio, finalizzato alla valorizzazione delle reciproche attività ed esperienze, nonché alla ricerca di modi efficaci per garantire un supporto al successo scolastico di bambini e ragazzi in difficoltà ed è stato firmato grazie anche al ruolo strategico dei Centri di Animazione Territoriale comunali presenti all’Arcella.

Tale iniziativa, che ha visto il progressivo coinvolgimento degli Istituti Comprensivi del territorio, ha quindi trovato il pieno consenso dell’Amministrazione comunale già impegnata, attraverso i propri Settori Sociale e Servizi Scolastici, a promuovere azioni educative e formative di aiuto alle famiglie e a sviluppare efficaci forme di solidarietà all’interno della comunità locale.

Il protocollo, che è stato stilato dalle realtà afferenti al tavolo di coordinamento e con la collaborazione dell’Ufficio diocesano di pastorale dell’Educazione e della Scuola, la Pastorale Cittadina Giovani, la cooperativa Bottega dei Ragazzi, porta la firma dei Capi Settore Comunali interessati dall’iniziativa, dei Dirigenti del Terzo, Quarto, Quinto e Quattordicesimo Istituto Comprensivo e dai rappresentanti delle esperienze di doposcuola che operano gratuitamente nel territorio: le parrocchie di San Carlo, San Bellino, San Filippo Neri, San Gregorio, Sant’Antonino, Buon Pastore (sostenuti dalla Pastorale Cittadina), l’Associazione Amici dei Popoli Padova e l’Associazione San Vincenzo de Paoli.

“E’ sicuramente una bella opportunità – sottolinea l’assessore Vera Sodero – per attivare una efficace sinergia tra istituzioni e comunità, sapendo che grazie all’apporto di tutti si possono costruire solide esperienze in grado di accompagnare i nostri ragazzi nel loro percorso di crescita per essere i cittadini di domani. Abbiamo iniziato con il quartiere Arcella che è il quartiere più popolato e dove il rischio di dispersione scolastica, soprattutto nella fascia della scuola media, è il più altro rispetto agli altri quartieri”.

Saranno circa 300 i ragazzini che potranno usufruire di questo servizio grazie alla disponibilità di oltre 200 volontari.

“E’ stato un percorso di un anno che ha visto il volontariato vivace e appassionato dell’Arcella come protagonista – conclude Don Daniele Prosdocimo, delegato per la Pastorale Cittadina – dobbiamo essere riconoscenti dell’opera di tante persone generose della nostra città”.

(s.s.)

condividi
Facebook Twitter