Arcella, chiusura anticipata di un locale. Il sindaco: chiuderemo qualsiasi esercizio ritrovo di delinquenti e spacciatori

Chiusura anticipata alle ore 19:00 fino al 30 giugno 2016 per un pubblico esercizio sito al civico 62 di via Annibale da Bassano gestito da un cinese. Lo ha disposto il Sindaco Massimo Bitonci con un’’ordinanza firmata in questi giorni.
La restrizione d’’orario per il locale, che normalmente abbassava le serrande a mezzanotte, è scattata in seguito a recenti controlli della Polizia di Stato e della Polizia Locale nel corso dei quali è stato accertato che risultava frequentato da soggetti dediti a traffici illeciti, soprattutto nelle ore pomeridiane e serali, diventando così un ritrovo per pregiudicati irregolarmente presenti sul territorio.
“Ringrazio le forze dell’ordine per il loro operato. Il locale era luogo di contrattazione, di assunzione e scambio di droga. Una situazione di pericolo per l’’ordine e la sicurezza pubblica -– ha detto il sindaco – – Con questo provvedimento vogliamo impedire che il locale continui ad essere covo di persone dedite ad attività illecite. Il rispetto della legalità è una condizione preliminare per fare impresa in città e deve valere per tutti. Voglio rassicurare gli esercenti: a Padova non esisteranno più sacche di illegalità. Senza dubbio la chiusura anticipata del locale avrà effetti positivi anche nella lotta contro il degrado e la piccola criminalità. Vogliamo dire basta a questo genere di attività che finiscono per essere rifugio di balordi e spacciatori che, da oggi, avranno un posto in meno in cui nascondersi”.Il gestore – precisa, infine, il sindaco – era stato già più volte sanzionato dagli agenti della Polizia Locale per aver violato norme che regolano la detenzione e il funzionamento di slot machine presenti nel locale e nel gennaio scorso l’’attività era anche stata temporaneamente sospesa per due settimane da un provvedimento del Questore”–.

(g.g.)

condividi
Facebook Twitter